Albergo Ristorante Posta Moltrasio, Piazza S.Rocco, 5, 22010 Moltrasio CO

Single Blog Title

This is a single blog caption
Island of Comacina
15 Mag

Sapevi che Il Lago di Como ha un isola? Scopri con noi l’escursione all’Isola Comacina

Il Lago di Como è molto grande e tutto da scoprire: ogni giorno cerchiamo di dare nuove idee ai nostri ospiti su cosa vedere. Oggi è il turno dell’Isola Comacina, eccoti alcune dritte per esplorarla.

L’isola Comacina è davvero piccola piccola, solo 600 metri di lunghezza per 200 metri di larghezza, nel comune di Tremezzina. La particolarità di questa isoletta è il suo clima particolarmente mite. Per questo motivo, seppur incredibile a queste latitudini, viene coltivato l’ulivo. Dagli abitanti l’isola viene ancora chiamata “el castell “(il castello).

Una curiosità: l’isola Comacina è proprietà privata. Il vecchio proprietario donò l’isola al re del Belgio, che a sua volta la restituì allo Stato italiano. In seguito, questa piccola ma deliziosa isoletta venne ceduta all’Accademia delle Belle Arti di Brera per costruire un villaggio per artisti e un albergo. Ora su questa piccola isola potrai trovare, oltre alla chiesa, una locanda, costruita nel 1964, e tre villette. L’unico edificio storico ancora integro è la chiesetta barocca di San Giovanni, all’interno della quale sono tuttora visibili reperti romani. Trovi inoltre ancora i resti della Basilica di Sant’Eufemia dell’XI secolo e della chiese di Santa Maria del Portico (XII secolo), di San Pietro in Castello e dei Santi Faustino e Giovita. Pensa, in un isola così piccola sembra che ci fossero ben 9 chiese, rase al suolo nel 1169.

Non è certa l’origine del nome. Molti pensano che derivi dal fatto che è l’isola del Lago di Como, altri dicono che sia di origine bizantina. I primi abitanti dell’isola furono Galli e Romani, successivamente venne conquistata da Goti, Bizantini  e Longobardi. Tante vicende storiche si susseguirono su queste acque, una delle più importanti è legata alla rivalità tra Como e Milano per il controllo delle principali vie di comunicazione. Quasi tutte le terre  del Lario si schierarono contro Como, con la vittoria di Milano. Successivamente ci fu la vendetta della città sconfitta, con la distruzione dell’isola ed un divieto alla ricostruzione. E’ da allora che non ha più abitanti, e solo nel XVII secolo venne costruita la chiesetta di S.Giovanni.

Un isola ricca di fascino e mistero: è sempre il momento giusto per una visita all’Isola Comacina. Il Top è la domenica più vicina al 24 giugno, quando potrai assistere alla tradizionale festa di san Giovanni, unica nel suo genere grazie alla processione delle barche. In questo giorno si ricorda la distruzione dell’Isola Comacina. Migliaia di lumaghitt, cioè lumini galleggianti vengono messi sul lago, abbandonati alla corrente, per ricordare le anime che cercarono di fuggire sull’altra sponda in fuga dalle fiamme. Un’emozionante spettacolo pirotecnico ci racconta la vicenda dell’incendio.

E’ assolutamente da non perdere una tappa all’Isola Comacina. Arrivarci è molto facile: prendi il battello davanti all’Hotel Posta di Moltrasio, e dopo circa un’ora potrai sbarcare sull’isola. Ascolta i miei consigli: vale davvero la pena visitarla!

Siti Utili: Navigazione Laghi

Photo Credit: http://www.isola-comacina.it/

 

Lascia un commento