Albergo Ristorante Posta Moltrasio, Piazza S.Rocco, 5, 22010 Moltrasio CO

Single Blog Title

This is a single blog caption
Vincenzo Bellini e Giuditta Cantù
12 Mag

Il Cafe Bellini di Moltrasio è dedicato a Vincenzo Bellini, lo conosci? 

Conoscere Moltrasio e la sua storia sono due componenti imprescindibili per chi come noi gestisce un’attività qui, in questo paesino di poco più di mille abitanti sulla riva ovest del lago di Como. In qualche modo anche noi facciamo parte della storia locale visto che la nostra è una struttura dal passato affascinante. Oggi però non parliamo dell’Hotel ma di un luogo che è proprio al suo fianco: il Cafe Bellini, il nostro bar dove potrai sorseggiare un caffè in compagnia oppure gustarti un fresco cocktail per un aperitivo vista lago. Spesso ritroviamo il nome Bellini in edifici di Moltrasio, sai perché?

Il Cafe Bellini: chi era Vincenzo Bellini?

Se sei un appassionato di musica classica già lo conosci di sicuro: Vincenzo Salvatore Carmelo Francesco nacque a Catania nel 1801 e visse purtroppo solo fino al 1835. Durante la sua vita compose opere tra le più importanti dell’800, alcune delle quali vennero scritte durante il lungo periodo che trascorse a Moltrasio. Alcune delle sue opere più famose furono Norma, I Puritani e La Sonnambula. A Moltrasio compose proprio quest’ultima opera, assieme a La Straniera. Successivamente si trasferì a Parigi dove rimase fino alla morte nel 1835.
Sul Lago di Como Bellini visse per un lungo periodo a Villa Salterio, chiamata anche villa Hocevar dove si trova il Cafe Bellini, puoi riconoscerla grazie al timpano ed alle decorazioni neoclassiche, e a Villa Passalacqua. La dimora dista solo 200 metri dal nostro Hotel Posta e durante la passeggiata puoi ammirare il monumento a lui dedicato fatto erigere dal Circolo Bellini di Moltrasio per ricordare i suoi trascorsi nel nostro ameno borgo. (abbiamo già parlato del Circolo Bellini e dei suoi appuntamenti qui). Villa Passalacqua è davvero molto elegante ed imponente e con il suo bel giardino domina il Lago di Como. Il lago fu d’ispirazione a Vincenzo Bellini ad aumentare la propria creatività che in questo periodo si espresse anche grazie alla collaborazione con Giuditta Pasta, la sua interprete preferita, che aveva casa a Blevio, proprio sulla sponda opposta del lago.

Vincenzo Bellini e l’amore per Giuditta Cantù

Fuori dalla villa potrai vedere un’epigrafe a memoria di quei tempi passati e di quelle atmosfere ottocentesche. Bellini era un grande artista ma era anche un uomo, e come tale ebbe le proprie avventure amorose sulle rive del nostro romantico Lago di Como. Il compositore infatti si invaghì di un’altra Giuditta, Giuditta Cantù, moglie del noto imprenditore milanese, Ferdinando Turina. La donna spesso andava a trovare il suo amante alla villa, dove i due trascorrevano assieme parecchio tempo.

Giuditta era una donna molto bella ed intelligente, amante dell’arte. Fece l’errore di sposarsi molto giovane con il Turina anche se non era realmente innamorata. Rimase folgorata da Vincenzo Bellini, inizialmente le cose andarono con calma nel timore delle reazioni che quella relazione avrebbe potuto causare nel caso fosse stata scoperta. Poco per volta però Giuditta si lasciò andare al fascino e savoir faire di Bellini, fino allo sbocciare di una relazione nascosta, passionale e intensa. Vincenzo Bellini era ospite presso la loro villa, la famiglia era complice e anche il marito era contento della sua presenza in quanto ospite illustre. La storia durò fino alla scoperta del tradimento da parte del marito, cosa che li portò al divorzio.

Insomma, anche il famoso Vincenzo Bellini ebbe le sue tribolazioni amorose proprio sulle sponde del nostro Lago. Per questo motivo e per rendere un tributo alla sua musica abbiamo deciso di intitolare il nostro Lounge Bar a lui. Vieni all’Hotel Posta di Moltrasio e concediti un po’ di relax al Cafe Bellini: sarà un ottimo modo per fare un piccolo tuffo nel passato della musica lirica italiana, ti aspettiamo come sempre con il sorriso!

Lascia un commento